Giulio Capurso

Studio la chitarra da quando ho 14 anni e ho iniziato suonando blues, il mio primo Maestro e punto di riferimento è stato Jimi Hendrix, presto ho cominciato ad interessarmi al Jazz dove i maestri sono stati tanti : Chet Baker, John Coltrane, Wes Montgomery, Charles Mingus, Thelonius Monk, ecc…
Alla età di 31 anni comincio a suonare una chitarra elettrica a 7 corde e a fare ricerca più sulle tecniche chitarristiche che sul genere musicale, quindi comincio a studiare un modo per unire la vecchia scuola chitarristica con la nuova, in sintesi di unire il Fingerpicking con il Tapping e i punti di riferimento saranno i chitarristi Tuck Andress e Stanley Jordan.
Presto mi rendo conto che per riuscire a pieno nell’impresa dovrò concepire e costruire uno strumento adatto alle mie esigenze per unire stili e tecniche diverse.
Alla età di 41 anni finalmente ho costruito una chitarra a 14 corde e due manici, in questo modo sono riuscito nell’intento di mettere assieme tutte le mie conoscenze e studi musicali trovando in questo nuovo strumento il punto di congiunzione tra
il mondo del pianoforte e quello della chitarra.